copertina_punti_di_vista_Django

Punti di Vista – Django Unchained

Nuovo appuntamento con Punti di Vista, la rubrica che rivede film che sono rimasti impressi nella mente e che, in un modo o nell’altro, possono suscitare nelle persone emozioni diverse e quindi appunto dei punti di vista.

Nella puntata di oggi vedremo un film che nel 2013 è riuscito a vincere 2 premi Oscar (che poi vedremo nel dettaglio): Django Unchained.


 

Trama:

vlcsnap-2015-01-04-23h56m33s162Nella seconda metà del 19° secolo, Django è uno schiavo di proprietà dei fratelli Speck, che viene rintracciato e acquistato a seguito di uno scontro a fuoco dal Dottor Schultz, ex dentista diventato cacciatore di taglie. Schultz ha bisogno dell’aiuto di Django per identificare tre fuorilegge e gli promette la piena libertà e una parte della taglia una volta finito il lavoro.

Completato il lavoro, Django viene liberato e comunica al Dottor Schultz di voler ritrovare la sua amata Broomhilda; il dottore, affascinato dalla sua storia e dalla sua abilità con le armi, propone a Django di fare coppia durante l’inverno per catturare fuorilegge e di aiutarlo in primavera a trovare la moglie.django

I due uccidono molti fuorilegge e stringono amicizia e, arrivata finalmente la primavera, si concentrano sul ritrovare Broomhilda. Il Dottor Schultz scopre che Broomhilda è stata venduta a Calvin Candie, uno spregevole proprietario terriero. Per poter liberare Broomhilda, i due si fingono dei negrieri che vogliono acquistare un lottatore per ben 12 mila dollari, e se possibile comprare anche Broomhilda per poche centinaia di dollari.

Stephen, il capo della servitù di Candie, si accorge però che Django e Broomhilda si conoscono e avverte il suo padrone. Sentitosi ingannato, Candie pretende che Schultz compri Broomhilda per i 12 mila dollari e che suggellino l’accordo con una stretta di mano, che però Schultz rifiuta. Ne nasce così uno scontro a fuoco in cui muoiono sia Candie che Schultz. 

Django viene catturato e mandato a lavorare in una miniera di carbone, ma durante lo spostamento, grazie ad un abile stratagemma, riesce a liberarsi e a tornare alla casa di Candie, dove ucciderà tutti i suoi collaboratori e libererà Broomhilda, scappando finalmente liberi e insieme.

 

 

 

Commento Antonio:

Django (la D è muta! cit.) è il film di Tarantino che dopo Pulp Fiction mi è piaciuto di più. La grande maestria del regista statunitense impregna la pellicola dal suo primo fotogramma sino alla fine dei titoli di coda. Non a caso Quentin si è portato a casa la statuetta per la Miglior Sceneggiatura Originale e ha rischiato di vincere pure quella per il miglior film, poi andata ad Argo.

Django-Unchained-31La crudezza e violenza di alcune scene hanno lo scopo di non nascondere affatto le angherie che subivano gli schiavi neri durante quel periodo buio della storia americana. Lo stesso Django (interpretato da un bravissimo Jamie Foxx) ne ha subite tante e porta sul suo corpo i segni di tanta violenza, finché non ha l’opportunità di riscattarsi concessagli dal dottor Schultz, interpretato dal magnifico Christoph Waltz, che ha vinto l’Oscar come Miglior Attore Non Protagonista proprio con questo ruolo.

Il cast d’eccezione viene completato da due nomi tutt’altro che banali: Leonardo Di Caprio nei panni dello spregevole Candie e Samuel L. Jackson in quelli del suo servo Stephen.

Anche dal punto di vista tecnico ci troviamo ovviamente davanti ad un prodotto di punta, così come il buon Tarantino ci ha abituato durante questi anni: sia la regia che il montaggio e la fotografia rendono davvero molto belle alcune scene che riprendono il taglio tipico dei vecchi film western americani.

 

Commento Gabriele:

Django è un film dalle mille sfaccettature, sa incantare per l’estrema drammaticità e, allo stesso tempo, inorridire per il lato splatter ma non delude le aspettative. Si nota subito il marchio “Tarantino” ma ciò non sminuisce i grandi artisti protagonisti della scena (Di Caprio, S.L. Jackson, C.Waltz e J.Foxx). Si nota subito un ritmo molto frenetico ma davvero gradevole e coerente con la trama e con la sceneggiatura. A spiccare sono soprattutto Jamie Foxx e Christoph Waltz, che mostrano naturalezza e grande capacità d’immedesimazione nel ruolo ricoperto, i fuorilegge dell’America governata dai potenti schiavizzatori della gente di colore.1296854-django

Menzione particolare per il buon Leo Di Caprio che apparentemente svolge un ruolo secondario ma che è determinante nella trama e che ben riesce nel suo ruolo, al limite fra coprotagonista e personaggio secondario.

La fotografia risulta molto curata, anche se ben sappiamo che Tarantino ha sempre un attenzione maniacale per essa, e le scenografie risultano davvero notevoli e coerenti con il contesto narrato.

Da sempre sono rimasto incantato da questo eccentrico quanto stupendo film e lo considero fra i migliori di Quentin.

Consigliatissimo agli amanti del genere “tarantiniano”!

Nuovo appuntamento con Punti di Vista, la rubrica che rivede film che sono rimasti impressi nella mente e che, in un modo o nell'altro, possono suscitare nelle persone emozioni diverse e quindi appunto dei punti di vista. Nella puntata di oggi vedremo un film che nel 2013 è riuscito a vincere 2 premi Oscar (che poi vedremo nel dettaglio): Django Unchained.   Trama: Nella seconda metà del 19° secolo, Django è uno schiavo di proprietà dei fratelli Speck, che viene rintracciato e acquistato a seguito di uno scontro a fuoco dal Dottor Schultz, ex dentista diventato cacciatore di taglie. Schultz ha bisogno dell'aiuto di Django per identificare tre fuorilegge e gli promette la piena libertà e una parte della taglia una volta finito il lavoro. Completato il lavoro, Django viene liberato e comunica al Dottor Schultz di voler ritrovare la sua amata Broomhilda; il dottore, affascinato dalla sua storia e dalla sua abilità con le armi, propone a Django di fare coppia durante l'inverno per catturare fuorilegge e di aiutarlo in primavera a trovare la moglie. I due uccidono molti fuorilegge e stringono amicizia e, arrivata finalmente la primavera, si concentrano sul ritrovare Broomhilda. Il Dottor Schultz scopre che Broomhilda è stata venduta a Calvin Candie, uno spregevole proprietario terriero. Per poter liberare Broomhilda, i due si fingono dei negrieri che vogliono acquistare un lottatore per ben 12 mila dollari, e se possibile comprare anche Broomhilda per poche centinaia di dollari. Stephen, il capo della servitù di Candie, si accorge però che Django e Broomhilda si conoscono e avverte il suo padrone. Sentitosi ingannato, Candie pretende che Schultz compri Broomhilda per i 12 mila dollari e che suggellino l'accordo con una stretta di mano, che però Schultz rifiuta. Ne nasce così uno scontro a fuoco in cui muoiono sia Candie che Schultz.  Django viene catturato e mandato a lavorare in una miniera di carbone, ma durante lo spostamento, grazie ad un abile stratagemma, riesce a liberarsi e a tornare alla casa di Candie, dove ucciderà tutti i suoi collaboratori e libererà Broomhilda, scappando finalmente liberi e insieme.       Commento Antonio: Django (la D è muta! cit.) è il film di Tarantino che dopo Pulp Fiction mi è piaciuto di più. La grande maestria del regista statunitense impregna la pellicola dal suo primo fotogramma sino alla fine dei titoli di coda. Non a caso Quentin si è portato a casa la statuetta per la Miglior Sceneggiatura Originale e ha rischiato di vincere pure quella per il miglior film, poi andata ad Argo. La crudezza e violenza di alcune scene hanno lo scopo di non nascondere affatto le angherie che subivano gli schiavi neri durante quel periodo buio della storia americana. Lo stesso Django (interpretato da un bravissimo Jamie Foxx) ne ha subite tante e porta sul suo corpo i segni di tanta violenza, finché non ha l'opportunità di riscattarsi concessagli dal dottor Schultz, interpretato dal magnifico Christoph Waltz, che ha vinto l'Oscar come Miglior Attore Non Protagonista proprio con…

Django Unchained

9.2

User Rating: Be the first one !
92

Django Unchained

Django Unchained
9.1

Regia

9.2/10

Fotografia

9.0/10

Sceneggiatura

9.3/10

Colonne Sonore

9.0/10

Autore dell'articolo: Antonio Fiasconaro

1 thought on “Punti di Vista – Django Unchained

    Gabriele Dell'Aria

    (9 dicembre 2017 - 9:30)

    Regia

    9.20

    Fotografia

    9.00

    Sceneggiatura

    9.30

    Colonne Sonore

    9.00

    Uno dei miei film preferiti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *